L’infinita lotta (estiva) ai punti neri

Buongiorno a tutti e buon giovedì!

Che bel titolo no? So che l’immagine che vi verrà in mente non sarà delle migliori, ma so anche che voi, soprattutto le donne che stanno leggendo, scrutano il proprio naso e dintorni quasi quotidianamente alla ricerca di punti neri e che costringono i propri mariti/fidanzati/fratelli a torture di ogni tipo per eliminare pure i loro di punti neri.

E non fate no con la testa che tanto lo sappiamo 😀

D’estate poi, i punti neri fanno festa, perché ci mettiamo la crema solare che è bella corposa, perché non vogliamo fare troppi scrub al viso che altrimenti si perde l’abbronzatura, neanche i cerottini perché altrimenti ci viene la faccia a strisce.

E invece è sbagliato!

Qualcuno direbbe che lo scrub sta “on the top”, perché se vogliamo una bella abbronzatura lo scrub è d’obbligo, altrimenti ci spelleremo dopo 4 giorni, che neanche un serpente quando fa la muta… Guardiamo quindi cosa possiamo fare per tenere sotto controllo i punti neri durante la bella stagione.

scrub_queen_helene
Il mio scrub del momento, ottimo sia per il viso che per il corpo

Innanzitutto pulire la pelle. Sempre. Detergere ed esfoliare la pelle è il primo passo. Potete usare un gel detergente specifico, come il gel detergente esfoliante di Garnier, per eliminare i residui di trucco e lo smog dal viso quotidianamente e allo stesso tempo prevenire la comparsa di punti neri.

2 in 1 per il gel detergente esfoliante di Garnier
2 in 1 per il gel detergente esfoliante di Garnier

Oppure un detergente classico abbinato ad una spazzola per il viso, come il Clarisonic. Molto dipende da quanto è sensibile la vostra pelle.

Se non siete amanti di scrub potete usare un detergente cremoso, un olio o comunque qualcosa di affine al sebo e massaggiarlo sul viso per poi rimuoverlo con un panno in microfibra (che funge da scrub e rimuove anche il make up occhi).

clarisonic
Sono fedelissima al Clarisonic, non potrei più farne a meno!

Usando un tonico all’acido salicilico tamponato sul viso si andrà a intensificare l’azione esfoliante rimuovendo tutte le cellule morte in superficie e rinnovando lo strato superficiale della pelle. In questo modo si eliminano oltre ai punti neri anche le macchie e si aiuta il processo di “guarigione” dei brufoletti. A me piace molto la Luce liquida di Veralab.

luce liquida veralab
Una delle ultime scoperte: la luce liquida di Veralab è un tonico portentoso!

Una volta ogni due settimane meglio usare i cerottini specifici o una maschera peel off anche se secondo me sono leggermente meno efficaci perché sono meno rigide e tendono a strapparsi. Ho sentito tessere lodi delle maschere nere al carbone, ma ancora non le ho provate.

cerottini_nivea
Immancabili, i cerottini per i punti neri

Solo una raccomandazione, ok i cerottini, ma le maschere peel off ai vostri mariti/fidanzati/fratelli no, siate buone. Lo so che danno più soddisfazione…ma meglio evitare!

nonostante il fattore di protezione 50, si assorbe subito e lascia la pelle asciutta
Nonostante il fattore di protezione 50, si assorbe subito e lascia la pelle asciutta

E vi verrebbe da pensare di non vanificare tutta questa fatica applicando la crema solare. Vi vedo. Guai a voi! La crema solare, con protezione alta è d’obbligo…e pazienza se poi ci costringerà a ripetere questa routine più e più volte. Guardate il lato positivo, potrete provare sempre prodotti nuovi 😉

Fatemi sapere cosa usate voi per tenere sotto controllo i punti neri. A presto!

Si ringrazia Garnier per la collaborazione.

ps. Iscrivetevi alla newsletter, sto lavorando per voi

16 Comments

  1. Ne ho provate tante, e fino ad ora niente di miracoloso… Neanche la pulizia del viso dall’estetista! Credo che sconfiggere definitivamente i punti neri sia – ahimé – impossibile per chi, come me, ha la tendenza ai pori dilatati. Tuttavia trovo che una costante, quotidiana igiene del viso sia importante per tenerli sotto controllo. Di tanto in tanto utilizzo i famosi cerottini per il punto del viso più “incriminato”, cioè il naso! 🙂

  2. sono curiosissima sia della luce liquida che del solare Vichy, la prima pensavo di prenderla in uno dei kit da viaggio, l’altra l’ho vista in offerta insieme al docciaschiuma….ma non lascia aloni bianchi? perchè ho provato un campioncino di quella Monoi Tahiti e sembravo il fantasma dell’opera, altamente inquietante!

    1. Guarda, ho terminato in vacanza la crema solare e ieri l’ho ricomprata subito, si spalma bene e assolutamente non lascia residui bianchi sulla pelle, non sembra nemmeno di aver messo la protezione 50 perché si asciuga subito.
      La luce liquida è un altro di quei prodotti che appena terminerò acquisterò di nuovo…il kit da viaggio è una bella idea per provare più cose!

  3. Pingback: In the end #20 – Luglio | ideepensharing

E tu cosa ne pensi?