Elettrodomestici, quali sono indispensabili?

Per il filone #ciaomamma #iovado dedicato a chi sta pensando di andare a vivere da solo, o in compagnia oggi affrontiamo il tema degli elettrodomestici: quali sono davvero indispensabili e di quali si può fare, per il momento, a meno.

Io sono del partito “se esiste una macchina che lo fa per me, tanto meglio”. Ma mi rendo conto che non tutti la pensano come me e quindi cercherò di essere il più obiettiva possibile. Su alcuni elettrodomestici però non transigo. Uno su tutti, la lavatrice, meglio se programmabile.

Andiamo con ordine:

Sebbene siamo solo in due la lavatrice va almeno 4 volte a settimana, dipende dai casi, ma la uso spesso. Questo perché tendo a lavare abiti simili tra di loro senza mischiarli. E sì, uso anche le salviette acchiappa-colore, ma comunque separo minuziosamente i capi. E vi consiglio di fare così. Comporta più lavoro, ma il rischio di fare danni si riduce al minimo. Se potete, scegliete una lavatrice che regoli il carico di acqua al carico di biancheria e che abbia almeno un programma per i delicati a freddo o a 30°C e un programma per la lana o per i lavaggi a mano sempre a freddo. Io non ho mai lavato un maglione a mano perché fortunatamente la mia lavatrice lo fa per me.

Aspirapolvere: qui è questione di gusti. Io ho una scopa elettrica ereditata dai suoceri e il Roomba. Senza la prima vivrei ugualmente, senza il secondo no. Ma c’è chi vive senza robot aspirapolvere. Io lo trovo estremamente comodo, pulisce mentre io non ci sono e mi garantisce un pavimento sempre libero dalla polvere. Riguardo gli aspirapolveri normali, una scopa elettrica occupa meno spazio di un’aspirapolvere ma pesa di più quando la usate. Sacchetto o non sacchetto…io sono per il sacchetto.

Fonte
Fonte

Ferro da stiro, dipende. M. ha sempre vissuto senza, io stiro solo i capi più particolari, camicie, abiti leggeri di cotone e lino, pantaloni…altrimenti potete farne a meno e in caso di necessità trovare una lavanderia vicino a casa. Per lo stesso motivo, e per altri ancora, non ritengo indispensabile l’asciugatrice. L’ho usata a casa dei miei genitori, ma non evitava di dover stirare molti capi, in primis le camicie. Quindi…no.

Passiamo alla cucina, dove distingueremo il caso “cucino per sfamarmi” dal “cucino perché mi piace”.

Se cucini per sfamarti non ti serve un forno, meglio scegliere un buon forno a microonde multifunzione. Ormai quasi tutti i modelli hanno anche la modalità “crisp” per cuocere per esempio le patate fritte surgelate, piuttosto che la funzione “forno” in cui si può regolare la temperatura. Se cucini perché ti piace, saprai già che forno scegliere, non te lo devo dire io.

Lavastoviglie: nì. Noi abbiamo vissuto senza per due anni, certo è comoda ma non è fondamentale. Per me lo è di più il forno per esempio.

Frigorifero e freezer degni di questo nome mi sembrano ovvi e indispensabili. A meno che non viviate al polo nord. Sceglietene uno in cui si possa regolare la temperatura e i cui interni siano facilmente rimovibili per la pulizia.

Robot da cucina e frullatori vari: vale il discorso del microonde/forno. Se siete degli appassionati scegliete ciò che preferite ma se cucinate per sfamarvi allora vi consiglio di limitarvi ad un unico robot, che abbia incluso un frullatore a immersione, un tritatutto e le fruste. Almeno potete grattugiare le carote da mettere nell’insalata. Più che sufficiente.

La lista potrebbe essere infinita, ma credo di aver nominato tutti gli essenziali per vivere in tranquillità e non trovarsi sommersi da panni da lavare e polvere. Se a voi viene in mente qualche altro elettrodomestico scrivetelo pure nei commenti qui sotto che ne parliamo 😉

A presto!

ps. Iscriviti alla newsletter, tutte le novità in anteprima e tante chiacchiere 😉

17 Comments

  1. Interessante post! Concordo su tutto, aggiungerei solo che la macchinetta del caffè è indispensabile per la schiera degli “espresso-dipendenti”! Io non faccio parte di questa schiera (anche perché io non bevo caffè), ma conosco molti che non accetterebbero mai il caffè fatto con la classica moka! 🙂

  2. mia mamma mi ha insegnato a NON stirare 🙂
    Io non indosso camicie, quindi ho scansato il problema alla radice.
    per la lavastoglie, io non potrei vivere senza, è troppo comoda, idem per il forno, ma perchè io amo fare dolci e pizze

  3. Ho vissuto senza lavastoviglie fino a due anni fa…ma da quando ce l’ho…non ne posso più fare a meno! Per quanto riguarda il ferro da stiro, lo uso il minimo indispensabile: tutto quello che si può stendere bene e piegare…non lo vede nemmeno!

E tu cosa ne pensi?