Come organizzo l’armadio delle “cose di casa”

C’è un armadio nella mia casa dove puoi trovare tutto quello che cerchi…l’importante è sapere dove cercare.

È stato ricavato da una porzione di un ripostiglio che la proprietaria di casa ha modificato per farci stare due armadi, enormi! Una parte di uno dei due armadi ve l’ho mostrata quando abbiamo parlato di scarpe, borse & organizzazione, oggi invece vi porto nei meandri dell’altro armadio: l’armadio delle “cose di casa”.

Mi perdonerete per la qualità (e la scarsità) delle immagini, ma il corridoio non è propriamente il luogo più luminoso della casa, e la profondità dell’armadio non aiuta.

Cosa contiene questo armadio? La qualunque. Asciugamani? Presenti. Stracci e panni per la polvere? Presenti. Cacciavite e martello? Ci sono. Lenzuola, tovaglie e blabla? Pure. Medicine, cerotti, scorte di sapone? C’è tutto. Insomma, tutto. Sì anche il ferro da stiro!
Anche qui, ci è voluto un anno per trovare la sistemazione più idonea e sfruttare al meglio tutto questo spazio.  Vi ho mostrato l’anno scorso un metodo per piegare le lenzuola e gli asciugamani, da qualche tempo l’ho cambiato e vi farò un post aggiornato in merito.
La casa è piena di armadi, ma non mi piace avere cose sparse ovunque, preferisco riempire completamente alcuni spazi e lasciarne liberi altri. L’armadio è alto da terra al soffitto, inutile dire che io arrivo solo fino alla prima metà, per la seconda metà ho bisogno di una sedia, e per raggiungere la sommità di una scala.

Spero che la foto sia abbastanza esplicativa...
Spero che la foto sia abbastanza esplicativa…

Vi mostro la prima metà perché su in cima ci sono solo coperte, piumoni e copriletto a seconda della stagione. Dall’alto verso il basso ho sistemato:

I copripiumini e il coprimaterasso non in uso. Ho solo due completi per l’inverno e due coprimaterasso. Quando uno è a lavare l’altro è in uso. Facile e pratico.

Sotto troviamo i completi letto più leggeri. Questi sono 3, (+ 1 dedicato alla camera degli ospiti). Come sopra, non servono moltissimi cambi se non si utilizzano molti letti in casa 😉 Qui ne vedete uno perché avevo appena cambiato le lenzuola.

Sotto ancora troviamo gli asciugamani. Da sinistra destra, impilati e accoppiati ci sono gli asciugamani per il bagno di M., quelli del mio bagno e poi a destra gli asciugamani “alla buona”. Una coppia acquistata all’Ikea, e tre asciugamani presi con i punti del supermercato. Diciamo che sono quelli sacrificabili o quelli che utilizzo per asciugare i capelli. Gli asciugamani degli ospiti sono da un’altra parte. Vi mostrerò anche quelli in un altro post se vi interessa. Sullo stesso ripiano o sotto tengo un cestino con delle piccole lavette in microfibra che però non sto usando in questa casa perché non ho spazio dove appoggiarle in bagno. Le avevo comprate con l’idea di usarle quando invito molta gente a casa.

Sotto ancora si trovano i canovacci (ne tengo un paio puliti in cucina, gli altri sono qui) e i teli da mare a destra più due accappatoi di quelli che si asciugano subito.

Completano il reparto biancheria per la casa le tovaglie/tovaglioli/tovagliette che si trovano sul ripiano inferiore. Io ho due set da tavola da 4  e 6 persone per tutti i giorni, un set da 12 e una tovaglia bianca in più che M. si porta da quando viveva da solo. Per ora non ho mai avuto altre necessità e anche in questo caso riesco a ruotarle l’utilizzo senza problemi.

Se questa prima parte è sempre stata abbastanza in ordine e definita, la seconda metà era – e talvolta torna ad essere – il caos primordiale. Vi lascio anche uno schema in modo che sia più chiaro visualizzare la disposizione che ho scelto.

armadio di casa
Ecco lo schema della mia organizzazione

Parto dal fondo: per necessità di spazio e di peso ho posizionato qui il ferro da stiro e tutti gli “accessori” come l’acqua per la caldaia, l’appretto ecc. Di fianco ci sono le due cassette degli attrezzi, i rotoli di carta igienica e una cesta per la biancheria e il cestino delle mollette.

Salendo si trova oltre al cestino del cucito, tutto il necessario per pulire: piumino, panni per la polvere, stracci, ricambi per la cappa della cucina, per il robot aspirapolvere, i sacchi dell’aspirapolvere ecc. Qui tengo anche le ricariche degli antizanzare che mi porto dalla vecchia casa dato che qui ci sono le zanzariere su tutte le finestre.

Nel ripiano intermedio invece trovano posto 4 scatole:

  1. Una contiene tutti i prodotti per la cura della persona di scorta, tranne quelli più specifici per me come trattamenti particolari, make up ecc. Quindi se cerchi il dentifricio, il sapone, uno shampo o uno spazzolino devi venire a cercare qui.
  2. Una scatola che contiene tutte le pochette, bustine ecc che usiamo in viaggio compresa quella con il phon e la piastra da viaggio.
  3. Una scatola con tutte le miniconfezioni da viaggio che uso per i travasi e altri prodotti in minisize sempre per le vacanze
  4. la scatola con i farmaci e una più piccolina con cerotti, bende e scotch.

La scelta di suddividere l’armadio per settori si è rivelata particolarmente azzeccata, famiglie simili si trovano vicine e anche chi non conosce perfettamente il contenuto o la disposizione può facilmente recuperare ciò di cui ha bisogno. Nella casa vecchia la maggior parte della biancheria per la casa era “nel quarto cassetto”. Ora che il quarto cassetto non c’è più anche M. riesce a tirar fuori ciò che serve in autonomia 😉

Fatemi sapere se avete anche voi un armadio/ripostiglio e come l’avete strutturato. Spero che questo post vi sia stato utile, a presto!

ps. Iscrivetevi alla newsletter, novità in anteprima e un po’ di chiacchere 🙂

12 Comments

  1. Io ho un armadio a muro nell’ingresso che era veramente sprecato per essere usato solo come appendiabiti. Dentro ci abbiamo messo due scaffali e adesso è diventato la dispensa – copre le lacune della piccola cucina! 🙂

E tu cosa ne pensi?