Review: dopo un mese di Alpha H Liquid Gold

Buongiorno e buon mercoledì a tutti!

Come anticipato qualche settimana fa nel post dedicato alla skin care routine, oggi diamo un’occhiata da vicino ad un nuovo prodotto per la cura della pelle del viso: Liquid Gold di Alpha H. Cosa sarà mai?

Vi ho raccontato di come la mia pelle sia tornata indietro di una decina d’anni e abbia deciso che oltre alle occhiaie ora debba combattere pure i brufoli e le macchie che ne derivano. Ecco. Una sera facendo zapping qua e là capito PER CASO su QVC mentre stavano presentando questo prodotto all’interno di un kit (detergente – contorno occhi – liquid gold). Ne parlavano come di un prodotto miracoloso – ma và? – per rigenerare la pelle, contro le imperfezioni e bla bla bla. In più il gel contorno occhi sembrava una cosa che neanche una bomba spiana così tanto le borse e cancella i segni neri, che faccio? Telefono, ovviamente.

Eccolo, e' lui!
Eccolo, Liquid Gold di Alpha H!

Liquid Gold altro non è che un trattamento in forma di “tonico” per rigenerare la pelle del viso/collo/decolletè. Il principio funzionale è l’acido glicolico, un alfa idrossiacido, che in molti avrete già sentito nominare. Agisce con un peeling chimico sulla pelle, eliminando le cellule morte in superficie per esporre quelle sottostanti. Per questo motivo è solitamente indicato in caso di macchie, brufoli e imperfezioni varie, perché accelera il rinnovamento cellulare e supporta la formazione di collagene ed elastina.

Nonostante questo però, è un ingrediente funzionale che va trattato con molta attenzione, specialmente sulle pelli sensibili. Nel Liquid Gold è indicato come terzo ingrediente, dopo l’acqua e l’alcool, quindi anche in questo caso, prestate molta attenzione e provate il prodotto prima su una zona poco esposta del viso.

Ora vi dico cosa ne penso io: non avevo mai provato un trattamento all’acido glicolico e ne sono molto soddisfatta. Lo utilizzo, come indicato, a sere alterne dopo aver pulito il viso e subito prima di andare a letto, applicandolo con un dischetto di cotone imbevuto. Appena applicato la sensazione è un pizzicorio sul viso, per me sopportabilissimo, la pelle non si arrossa. Già dopo una settimana mi sono accorta che la grana della pelle è più omogenea, che molte macchie di vecchi brufoletti sono sparite e che anche i brufoli stessi sono in numero sempre minore e più veloci a “guarire”. Il colorito della pelle è più uniforme, più luminoso. Insomma per me è promosso!

Un’altra accortezza è quella di proteggere la pelle dal sole con una protezione da applicare al mattino, che sia nella crema viso o nel fondotinta non importa, basta proteggere!

Oltre a questo prodotto vorrei provarne un’altro, senza alcool questa volta, ed è la Luce Liquida formulata e venduta da L’Estetista Cinica, di cui vi ho già parlato in passato.

Fatemi sapere cosa ne pensate e se avete mai provato qualche trattamento all’acido glicolico.

A presto!

Se ti è piaciuto questo post, vota il blog cliccando sul banner qui sotto!
classifiche

4 Comments

  1. questo liquid gold è interessante, forse potrebbe essere utile anche al rientro dalle vacanze per uniformare la pelle (quando si “finisce” l’abbronzatura a volte si è un po’ chiazzate….), comunque non ho mai provato l’acido glicolico….ma la presenza dell’alcol non è troppo aggressiva?

    1. Sicuramente l’accoppiata alcool e acido non è il massimo per una pelle delicata. A me non ha mai dato problemi finora, anzi…però ovviamente su di me c’è un bel margine dato che ho una pelle mista/sensibile. Più che per il post abbronzatura io lo vedo adatto per le macchie solari, intese come iperpigmentazione, ma non sono un’esperta…

  2. Pingback: In the end #19 – Giugno | ideepensharing

  3. Pingback: In the end #22 – Settembre | ideepensharing

E tu cosa ne pensi?