La valigia per i viaggi fuori stagione

Adoro viaggiare fuori stagione. Vuoi mettere la soddisfazione di salutare i colleghi e dire “ci vediamo tra due settimane”, impostare la risposta automatica alle email “I won’t be at work from…until…, with no access to the email”…tirare fuori dall’armadio le magliette con le maniche corte e il costume!

Ecco, quest’ultima parte potrebbe metterci in crisi.

Parliamo quindi di come organizzare una valigia per un viaggio in un paese caldo quando qui fa davvero freddo…come mi vengono in mente certe idee? Beh, semplice. Lo devo fare e ho pensato che potesse essere una buona idea condividere questa meravigliosa attività con voi…che mi odierete, lo so. Ma io sto facendo i salti di gioia da settimane!

Partiamo come sempre valutando alcune cose:

  • il numero dei giorni di viaggio
  • la durata degli spostamenti aerei
  • le attività da svolgere sul posto
  • un possibile caso di “emergenza“.

Mi servirà un cambio al giorno e uno di questi dovrà essere a strati per permettermi di partire da là e arrivare in Italia senza morire assiderata sull’aereo o allo sbarco, potenzialmente potrebbe essere lo stesso del caso di emergenza. In più mi serviranno un paio di costumi e conseguente “attrezzatura” da mare.
La preparazione di questa valigia per me è abbastanza semplice dopo aver messo in pratica il metodo Marie Kondo, perché non ho bisogno di scavare negli scatoloni del cambio di stagione per trovare ciò che mi serve, ma è sufficiente che io apra l’armadio, come faccio tutti i giorni.

Ma come fare se non si hanno tutti i vestiti a portata di mano?

Per evitare di creare confusione, meglio mettere su carta gli abiti di cui avremo bisogno giorno per giorno, compresa la biancheria, le scarpe e gli accessori. Creiamo un outfit per ogni giorno. Poi raggruppiamo tutti i vestiti scelti in categorie – meglio se le categorie corrispondono al criterio con cui abbiamo riposto il cambio di stagione. Lasciate sedimentare questa lista per un paio di giorni. Questo implica che voi non lo stiate facendo tre ore prima di partire…ma con almeno una settimana di anticipo! Ora che la lista ha sedimentato e che sicuramente abbiamo aggiunto almeno una sciarpa e un paio di capi che non avevamo preso in considerazione prima, possiamo iniziare a tirare fuori i vestiti dalle scatole/armadio. Tutti in una volta. Abbiniamoli per verificare che la nostra mente non abbia fatto accostamenti assurdi e poi iniziamo a preparare la valigia.

Quando la vacanza è a tappe e si cambia spesso il luogo del pernottamento è inutile pensare di arrotolare tutti i capi in valigia per occupare meno spazio. Conviene utilizzare delle bustine, meglio se in plastica, dove riporre gli outfit già preparati a gruppi di 2 o 3. Eviteremo di ribaltare la valigia ogni sera. E poi conoscete tutti la legge di Murphy, per cui se da una valigia perfetta tirate fuori una maglietta, la valigia non si chiuderà più.

Come vi ho già detto in altre occasioni (qui e qui) io in viaggio non mi porto un beauty formato Maria Antonietta, perché, soprattutto se vado al caldo, so già che mi truccherò pochissimo, solo la sera e che la voglia di stare in completo relax scaccerà quella di truccarsi. Quindi preparerò un beauty essenziale, la cui protagonista sarà ovviamente la crema solare. E come nelle migliori tradizioni di casa ideepensharing, si viaggerà solo con il bagaglio a mano…ce la faranno i nostri eroi? Devono farcela.

E al rientro? Il mio consiglio è quello di non mescolare i vestiti usati in viaggio con quelli che magari sono rimasti nel cesto della biancheria da lavare. Cerchiamo di lavare in gruppi omogenei i vestiti usati in vacanza, stiriamoli tutti insieme e riponiamoli subito. Saranno pronti per il vero cambio di stagione quando sarà ora.

Uh a proposito, dovrò andarmi a comprare un nuovo cappellino per proteggere il mio preziosissimo cervello dal sole…dato che il mio l’ho perso non so dove a Creta due anni fa!

Curiosi di sapere la nostra prossima meta? Vi do un indizio…la forma del paese in cui andremo sembra un cavalluccio marino! Chi indovina? 😉

A presto!

Se ti è piaciuto questo post, vota il blog cliccando sul banner qui sotto!
classifiche

13 Comments

  1. aaaaaaaaaaahhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhh le Galapagos………………….
    puntina di invidia (buonissima, eh!) !!!!!!!
    quando partirete?
    (e comunque ottimi consigli, io ho una lista apposta per le vacanze montanare, una per quelle estive in camper, una per quando marito e figlio vanno in campeggio al mare -mentre io sto in ufficio a soffrire grrr- , perchè è fondamentale portare non troppe cose e quelle giuste!)

  2. Pingback: Creta on the road e la Gola di Samaria – ideepensharing

E tu cosa ne pensi?