#ingredientedelmese – Settembre

Non manca mai l’appuntamento mensile con l’ingredientedelmese !

Questo mese la scelta è figlia della nuova pianificazione dei pasti, di cui vi parlerò a breve, e della settimana di ferie nella meravigliosa Sardegna. Avete già un’idea di cosa potrebbe essere?

Pesce, ovviamente! pesce
Se il collegamento con la Sardegna vi viene facile, potrebbe esserlo meno quello con la pianificazione dei pasti. E ora mi spiego meglio. Non sono mai stata una grande consumatrice di pesce per due motivi molto semplici, anzi tre:

  1. mi fa impressione il pesce intero, mi sembra che mi guardi, è viscido da toccare…
  2. mi sembra che una volta cotto abbia tutto lo stesso sapore, asciutto, piatto…
  3. non lo so pulire.

Ho cercato di porre rimedio a questi punti cercando nuove ricette con il pesce, facili da preparare, con pesci diversi da quelli che ho sempre mangiato e cercando di vincere il mio ribrezzo a pulirli e a guardarli. Sono perfino riuscita a sfilettare un rombo tutto da sola! Quando lo preparo uso sempre i guanti di lattice per cercare di essere meno impressionata e per ora funziona. Cerco di inserire il pesce almeno due volte alla settimana nella pianificazione dei pasti e di comprarlo fresco se possibile. Se se avanza un po’ dalle varie ricette lo tengo da parte per utilizzarlo in un sugo per la pasta.

Vi lascio quindi con una ricetta veloce veloce che ho sperimentato già alcune volte con vari tipi di pesce. La ricetta nasce per il rombo, ma anche con il persico o un pesce bianco a vostra scelta viene bene. Per quattro persone:

600 g di pesce pulito e a filetti
250 g di spinaci
20 g di pinoli
10 g di pepe
sale, olio e farina qb.

Tagliare i filetti a tranci di 2 centimetri, farli insaporire in una ciotola con abbondante pepe nero. Saltare gli spinaci con un po’ di olio e se gradito uno spicchio di aglio. A parte tostare i pinoli e metterli da parte. Salare e infarinare leggermente i tranci di pesce e poi cuocerli in una pentola con un filo di olio per far formare una leggera crosticina su tutti i lati.
Impiattare disponendo gli spinaci alla base, sopra i tranci di pesce e infine i pinoli.

Una soluzione semplice e veloce per introdurre più pesce nella nostra alimentazione! Se avete altri consigli su ricette facili e veloci per cucinare il pesce, lasciatele nei commenti…

Qual’è il vostro #ingredientedelmese?

A presto!

Se ti è piaciuto il post, vota il blog cliccando sul banner qui sotto!
classifiche

25 Comments

  1. ehi ma che buona ricettina! anche io e il pesce non ci amiamo, cioè mi piace tantissimo da mangiare in tutti i formati, cotture e simili, anche crudo (vedi sushi e sashimi), ma sono la pulizia e la preparazione che mi spaventano! però per fortuna ogni tanto ci pensa il marito-cuoco, così ce lo gustiamo per bene!
    ingrediente di settembre? boh…direi le prugne (susine) e i fichi, ne ho mangiate e ne sto mangiando una discreta quantità!
    sono curiosissima della tua programmazione, sto cercando (con scarsi risultati x ora) di organizzarmi soprattutto il pranzo a lavorare, e provo a carpire suggerimenti dai vari blog, sembro un vampiro!

    1. Ah ah io dovrei filmarmi quando prendo un pesce da pulire, faccio di quelle facce! La programmazione è in fase di rodaggio, arriverà anche quella! Fai bene a spulciare informazioni in giro, i blog sono fatti apposta 😉

  2. io prendo i tranci di merluzzo surgelati e già porzionati,oppure il pesce persico (già pulito).Nella pentola antiaderente metto (tutto a freddo e tutto insieme)poco olio passata di pomodoro, il pesce ,ancora passata di pomodoro capperi olive origano e faccio andare fino a che si asciga (se il pesce è sottile 10 minuti ed è pronto! a me piace tantoo!

  3. Ti commento da persona amante della carne che ha imparato a mangiare il pesce per necessità, perché non deve mancare nell’alimentazione, e che “sopporta” i pesci che non le piacciono: per il sapore condiscilo sempre con gli aromi che più preferisci o col semplice olio e limone 🙂 é tutto più buono e sarà meglio per mangiarlo… e nemmeno io lo so pulire XD anzi, qualche settimana fa i miei non c’erano e ho preso delle sovracosce di pollo in cui avevano qualche rimasuglio di organo interno e con tutta la buona volontà ho provato a pulirlo ma stavo per vomitare e l’ho surgelato lasciando a mia madre l’arduo compito… ma il pesce lo puoi prendere già eviscerato, una sciacquata sotto l’acqua e lo puoi cucinare 🙂

  4. Io il pesce lo mangio volentieri, quando sto a cena a casa lo preparo volentieri; non che io sia abile nel pulirlo: ma mi affido al pescivendolo per farmelo sfilettare, oppure prendo quello surgelato già porzionato!

    1. Vorrei riuscire a trovare un pescivendolo di fiducia, solitamente lo acquisto al banco del pesce fresco al supermercato. Preferisco quello fresco rispetto a quello surgelato quando posso, però ci si arrangia come si può.

  5. Io non mangio pesce e non lo cucino neppure, essendo allergica toccarlo mi provoca eritemi e, anche se mi mettessi guanti, non potrei assaggiare le preparazioni di conseguenza farei disastri. Una volta ho provato a fare per Federico la pasta gamberi e zucchine per fargli una sorpresa ed è venuta una vera schifezza T_T

      1. Apprezzare ha apprezzato, poveraccio si è anche sforzato di mangiarlo. Mi ha fatto davvero pena, io poi non sono come lui, se una cosa non mi piace non ce la faccio proprio, quindi lo compatisco il doppio. Ormai, quando voglio fargli pesce, compro quei cosi della findus pronti che si mettono nel forno e poi devi solo tagliare il sacchetto, almeno non corro pericoli.

E tu cosa ne pensi?