Organizzazione: la lista della spesa

Un argomento che mi sta molto a cuore è l’organizzazione della spesa e della dispensa. Avevo già accennato qualcosa nel post dedicato ai coupon (anche in risposta a qualcuno di voi). In parte è dovuto al fatto che mi piace poter cucinare alcune pietanze “a sorpresa”, cioè senza averle pianificate, ma allo stesso tempo non sopporto dover buttare il cibo perché andato a male.

Per molte cose abbiamo risolto, per esempio comprando solo latte a lunga conservazione (anche perché trovare il latte di soia fresco è praticamente impossibile) e per il latte vaccino ci orientiamo sulle confezioni da mezzo litro sempre a lunga conservazione. Lo yogurt invece lo prepariamo noi al bisogno e sappiamo che può resistere tranquillamente anche più di una settimana.

Per tutto il resto invece, la “nostra signora delle liste” che è in me ha preso il sopravvento e ha deciso di stampare tre fogli con la lista di tutto ciò che normalmente usiamo in casa, sia per la cucina, ma anche per la cura della persona e le pulizie di casa. Ogni foglio è stato inserito all’interno di una busta di plastica trasparente (vorrei tanto la plastificatrice, ma so che sono soldi buttati) e appeso dentro le ante della dispensa e del mobile in cui ripongo i detersivi.SPESA-INTELLIGENTE-2In questo modo, quando un prodotto viene terminato o si preleva l’ultima confezione dalla dispensa (per esempio l’ultimo pacco di pasta, l’ultima confezione di caffè, finisce il burro…) con un pennarello si barra la voce corrispondente a quel prodotto.
Quando il venerdì pomeriggio devo stilare la lista della spesa non faccio altro che leggere quali voci sono state barrate e trascriverle sulla mia lista. Qualora scegliessi di realizzare delle ricette particolari che richiedano l’uso di ingredienti che normalmente non tengo in dispensa, li segno nelle caselle che ho lasciato vuote sotto ogni gruppo di prodotti. In questo modo posso anche selezionare velocemente eventuali coupon già stampati da portare con me. Tornata a casa dal supermercato cancello con un po’ di alcool i segni di pennarello sopra i prodotti che ho acquistato. E si ricomincia…

Io lo trovo un buon metodo per evitare di rimanere senza shampo, piuttosto che senza pasta, ma anche di fare inutilmente scorte che mi dureranno anni ( e magari dovrò buttare prima di averle usate).
Un metodo alternativo è la pianificazione dei pasti, ma per ora non lo trovo adatto a me e ai ritmi della mia piccola famiglia. Fatemi sapere cosa ne pensate e se avete un modo per gestire l’organizzazione della spesa.

A presto!

Vi carico i template che utilizzo, sono molto semplici ed essenziali, non aspettatevi grandi opere di grafica (che trovo inutili in questi casi, non me ne vogliano i designer). Se siete interessate invece all’originale in excel chiedetemelo pure che ve lo mando privatamente.

27 Comments

  1. ehi che bella idea, pratica e comoda! noi in casa siamo 3, mio marito si occupa della spesa alimentare “di preparazione” perchè in genere è lui che cucina, io invece del “basilare”, cioè tipo l’olio, il burro, il latte, insomma diciamo ciò che non dovrebbe mai mancare, e tutto il resto che riguarda pulizie, detergenti, ecc. ecc., ma il mio modo è più ricognitivo: ogni volta che devo andare a fare la spesa, in genere il venerdì pomeriggio, faccio appunto un giro di ricognizione in casa nei settori fondamentali e poi annoto…ho scoperto inoltre che frequentare un supermercato piccolo rispetto all’iper mi fa risparmiare su un sacco di cose, ci sono meno tentazioni, vado con il cestino anzichè col mega carrello, e poi siccome è vicino a casa ci posso andare a piedi o in bicicletta (e se mi dimentico una cosa, ci posso tornare in poco tempo senza troppa fatica), la dimensione locale e ridotta mi piace decisamente di più! qualche giorno fa sono dovuta passare dall’iper perchè ero in strada, e mi sono sentita decisamente spaesata, tutta quella merce, tutta quella esposizione, nonostante le dimensioni avvertivo quasi una sensazione di oppressione, quasi di obbligo a prendere tante cose….sto impazzendo? o mi sto rendendo conto pian piano che quello che ci serve è veramente poco e quello che ci viene proposto per la maggior parte è assolutamente superfluo, inutile e soprattutto costoso?

    1. Ti capisco, anch’io all’inizio facevo il giro di ricognizione ma sistematicamente mi dimenticavo qualcosa…io non ho super super piccoli vicini a casa e vado in uno grande, però lo conosco e non mi perdo tra le corsie e tra le tentazioni!

    2. Il cellulare mi aveva mostrato solo metà del tuo commento, mi sono persa la parte finale…io mi sono accorta che la lista della spesa “vera” è sempre molto ridotta, raramente supero i 20 pezzi eppure in casa non manca nulla. In effetti molte cose che vogliono venderci sono un plus, non necessario, che spesso ci può tentare. Essere fedeli ad una lista può essere un ottimo inizio!

  2. proprio ieri su radio dj sentivo l’intervento di un tizio che fa la lista della spesa per ordine di come trova le cose sugli scaffali, e alla cassa imbusta per ordine di come le dovrà riporre in casa!!! l’ho trovato geniale!!! 🙂

      1. si diceva che imbusta per ordine e per settori, tipo: prima tutto frigo perchè va riposto subito e perchè cosi risparmia aprendo una volta sola il frigo. poi dispensa che ce l’ha un pò più in la… poi sotto roba del bagno.. etc… hahhahaha io impazzirei! son troppo svaccona io!

  3. Io scrivo quando prendo l’ultimo dalla dispensa su 1 foglio in cucina.E poi ogni settimana ho un lista base con i prodotti base che compro settimanalmente. Pointrascrivo la lista in ordine di corsie in modo da non dover fare avanti e indietro…E persino metto in borse diverse quello che va in frigo quello che va in dispensa e le bibite…In una parola ‘NA PAZZA!!:-)

  4. Sai che tante volte l’ho pensato pure io di fare delle liste come le tue? Ma finore è rimasta solo un’idea e, quando devo andare a fare la spesa più grossa (tante cose, tipo frutta, verdura, carne, insaccati e formaggi li compro nelle botteghe del mio paese)…..anche se ho in mente quello che manca e l’ho già scritto, faccio il giro della casa per essere sicura di non aver dimenticato niente! Il tuo metodo è sicuramente migliore!

  5. Pingback: Come iniziare a pianificare i pasti? – ideepensharing

  6. Pingback: La spesa online, perché no? | ideepensharing

  7. Pingback: Organizzazione: la spesa | ideepensharing

E tu cosa ne pensi?