Venerdì gnocolar

Oggi è venerdì grasso, a Verona è venerdì gnocolar, il giorno in cui sfilano per la città i carri di carnevale e la maschera più importante del carnevale veronese (o Bacanal): il papà del gnoco. Sì, gnoco con una C sola. Essendo il re del Bacanal del Gnoco ha uno scettro a forma di forchetta, su cui è infilzato un gnocco di patata.

papà-del-gnocoE la tradizione vuole che oggi il pranzo o la cena siano a base di gnocchi di patate, rigorosamente fatti in casa.

Non volendo mancare di rispetto a questa tradizione e per far sentire anche nella mia famiglia lo spirito del carnevale ho deciso di prepararli ieri sera per poterli avere pronti per pranzo. La ricetta è semplicissima, vi riporto solo un breve procedimento per chi di voi volesse condividere questa tradizione.

Per 4 persone:

  • 1 kg di patate (ma ve ne verranno in abbondanza…)
  • farina qb

è un piatto povero ovviamente…lessare le patate in abbondante acqua, lasciandogli la buccia. In questo modo si bagneranno di meno e servirà meno farina per impastare. Scolarle e sbucciarle ancora calde e passarle subito allo schiacciapatate.

Aggiungere poco per volta la farina, io lo faccio prima in una terrina e solo quando il composto è meno appiccicoso lo sposto sul piano di lavoro. Importante è unire la farina quando le patate sono ancora calde, così si legherà meglio. Non ne serve tantissima, non saprei quantificarla, ma deve risultare un panetto morbido e compatto. Se ne aggiungete troppa l’impasto inizierà a sgretolarsi.

Create dei rotoli di pasta lavorandola con le mani e tagliate dei piccoli gnocchetti che potete passare sui rebbi di una forchetta con una leggera pressione per creare delle scanalature che tratterranno meglio il condimento.IMG_20150212_204245Se ne fate in abbondanza, e ne vengono sempre tantissimi, li potete congelare. Disponeteli su un piatto o un vassoio ben separati e lasciateli in freezer un paio di ore. Quando si saranno ben congelati li potete trasferire in un sacchetto o in una scatola senza il rischio che si attacchino tra di loro.

Cuocere in acqua bollente salata e scolarli appena vengono a galla. Il condimento tradizionale veronese è la pastissada de caval (uno spezzatino di cavallo…) ma io li farò con del banalissimo sugo di pomodoro, basilico e una punta di peperoncino.

Buon carnevale a tutti!

4 Comments

E tu cosa ne pensi?